fbpx

Tinata Monteverro

95.00

“Un’esplosione di macchia mediterranea e petali di rosa, questa Tinata 2015 è un vino con una struttura molto bella, intensa e vivace. Sarebbe l’ideale dimenticarlo per qualche altro anno in cantina: l’invecchiamento non farà altro che esaltare il suo eleganza innata ”

2015
Perfetto con carne rossa

70% Syrah 30% Grenache
14%
Oltre 20 anni

Colore: rubino scuro con sentori di viola e geranio sul bordo.

Al naso: esplosione di ciliegia, lavanda e rosmarino con tocchi di pepe bianco, lilla e colpi di mirtillo.

Sul palato: ingresso morbido e fresco che si evolve su una sensazione vellutata persistente su una spina dorsale di acidità e lamponi, pomodori persistenti su ciliegie e tabacco.

16-18 gradi
Orizzontalmente, al buio e senza sbalzi di temperatura

Disponibile su ordinazione

Tinata Monteverro :

Un omaggio ai grandi vitigni del Rodano, il Syrah e il Grenache, e la prova dell’eccellente qualità che possono raggiungere nel sud della Toscana. Deciso, ricco di note aromatiche, ma al contempo spiccatamente morbido ed elegante: sono queste le caratteristiche del secondo miglior assemblaggio di Monteverro. Le uve provengono da uno dei loro terreni più vocati, attorno a una sughera secolare a ridosso della macchia, di cui nel vino si ritrovano i tipici aromi di lavanda, rosmarino e timo. L’assemblaggio ottenuto dalle due varietà Grenache – che gli conferisce freschezza ed eleganza – e Syrah – cui deve il sentore fruttato, il vigore e il corpo -, rende questo vino complesso e di grande profondità aromatica un’assoluta rarità nella produzione vinicola toscana.

Informazioni sul Produttore, Monteverro Capalbio :

Monteverro si trova ai piedi del borgo medievale di Capalbio, nella parte più meridionale della Toscana, la Maremma.

La tenuta dista solo 5 chilometri dal mare ed è caratterizzata dalle sue caratteristiche pendenze dal terreno sassoso di argilla rossa. Ma sono anche le persone a rendere Monteverro così unico. La loro autentica passione per il vino impone loro di non scendere a compromessi sulla lavorazione manuale e sulla selezione delle uve durante la vendemmia, per portare finalmente ogni vitigno, ogni terroir e ogni annata alla sua massima espressione, con precisione e adottando tecniche di vinificazione innovative.
La tenuta di Monteverro si estende su tre colline su una superficie di circa 60 ettari, ad un’altezza compresa tra 30 e 80 metri sul livello del mare.

Dai vigneti si può vedere il Mar Tirreno, che garantisce una brezza costante durante tutto l’anno.

A ovest, l’imponente profilo del Monte Argentario sorge all’orizzonte, mentre a sud-est, a una decina di chilometri di distanza, si trova il confine con il Lazio. Arrampicandosi sulle colline, i vigneti lasciano il posto alla “Macchia mediterranea”, la tipica vegetazione composta da numerosi arbusti sempreverdi ed erbe aromatiche tra cui lavanda, ginestra, rosmarino e timo. Questo è anche l’habitat di diverse specie animali, il cui re indiscusso è il cinghiale, ed è proprio a lui che Monteverro deve il suo nome: storicamente “Verro” è la parola con cui in questa regione è indicato il cinghiale, un segno che la boscaglia che circonda la cittadina di Capalbio è sempre stata (ed è tuttora) la dimora di molti cinghiali.

Per consentire alla natura di svilupparsi il più liberamente possibile e promuovere la biodiversità, solo 35 dei 60 ettari totali sono stati coltivati ​​a vigneto, mentre il resto è stato lasciato agli ulivi e, di fatto, alla macchia mediterranea.

Anche guardando alla costruzione della tenuta, ti rendi conto che a Monteverro la natura è la protagonista: l’architettura, intenzionalmente composta da edifici bassi, deve integrarsi il più possibile nel paesaggio e non dominarlo. Una parte della cantina è stata creata all’interno del pendio, per sfruttare la refrigerazione naturale di una struttura sotterranea. Quando hanno costruito la cantina, il loro obiettivo primario era quello di trasformare le uve – e successivamente il vino – nel modo più naturale ed ecologico possibile, sfruttando la forza di gravità: qui l’agricoltura sostenibile, un sacco di lavoro manuale e tecnologie sono integrate insieme in prima linea , al fine di sfruttare appieno il potenziale di qualità che cresce nel vigneto.

Peso1.5 kg

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Tinata Monteverro”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *