fbpx

Spato Terradonnà

13.80

2017

carni rosse e selvaggina.
100% Sangiovese
14%
Fino a 10 anni
bouquet elegante e potente, un finale lungo e piacevole che invita a un nuovo sorso.
18 gradi
in orizzontale, al buio e senza sbalzi di temperatura

Spato Terradonnà :

Siamo in Toscana e il vitigno autoctono più conosciuto nel mondo è il Sangiovese. Sulla costa questo uvaggio ai i suoi tipici profumi aggiunge l’ influenza dalla vicinanza del mare che arriva con la sua brezza fino alle colline di Suvereto, rendendo la stagione invernale meno rigida. Il vino Spato 100% sangiovese è sorprendente per la freschezza e il tannino dolce che avvolge il palato rivelando note speziate che lo rendono accattivante e fanno desiderare un altro sorso. Abbinamenti consigliati con il cibo: sughi a base di carne, bistecca alla fiorentina, impepata di cozze.

METODO DI PRODUZIONE:
raccolta manuale delle uve, macerazione in vasche di cemento vetrificato a temperatura di 24° per circa 12 giorni, matura in barriques di rovere francese per 12 mesi, affinamento in bottiglia per almeno 12 mesi.

NOTE DEGUSTATIVE:
rosso rubino, all’olfatto emergono profumi di mora, lampone, ciliegia candita e confettura di frutti di bosco, violetta, spezie dolci, cannella, chiodi di garofano. Impatto gustativo deciso con tannini morbidi e ben integrati, ottima persistenza.

Informazioni , Terradonnà :

L’origine dell’azienda agricola Terradonnà risale alla metà del secolo scorso, a quel tempo in campagna un po’ di tutto era coltivato per il sostentamento della famiglia, ma fu subito chiaro che la vite e l’olivo trovavano la loro massima espressione in questo territorio, ricco di particelle minerali e argilla, e negli anni ’80 iniziò una produzione volta ad aumentare la qualità.

Grande impegno è stato profuso nella ristrutturazione dell’azienda per ottenere prodotti di alta qualità, sicuri delle grandi qualità di questo territorio, che per le particolari caratteristiche del sottosuolo ricco di minerali offre vini piacevoli da giovani e sorprendenti durante il lungo invecchiamento.

L’azienda si trova ai piedi delle colline di Suvereto e a pochi chilometri dalla costa.

Una zona perfetta per la produzione di vino grazie ad un terreno particolarmente ricco di minerali e ad un microclima che, grazie al ricircolo dell’aria proveniente dal mare, mantiene il clima mite tutto l’anno.

I vigneti di Terradonnà sorgono su un terreno argilloso che li rende aridi in superficie, quindi per evitare che le radici soffrano la siccità è necessario che si estendano in profondità sotto lo strato argilloso.

Per questo motivo hanno scelto di piantare i filari ad una distanza di 120 centimetri.

Questo tipo di piantagione è estremamente difficile nella coltivazione, che viene effettuata per lo più manualmente da operatori esperti.

L’approccio alla produzione dei vini è sempre stato caratterizzato da una precisione quasi maniacale in ogni singola operazione effettuata in cantina, a partire dalla scelta delle uve prima, fino all’accurata pulizia di ogni attrezzatura utilizzata, passando per il rispetto dell’ambiente; questo significa adottare sistemi avanzati per la sterilizzazione dei serbatoi evitando prodotti chimici.

La filosofia dell’azienda nasce da queste peculiarità che impongono “il rispetto dell’ambiente e dei ritmi della natura”.

Ferma nella sua volontà di mantenere la tradizionale cantina con vasche di cemento e presse in legno, Terradonnà non rinuncia all’innovazione nelle tecniche di vinificazione e alla ricerca di metodi di lavorazione per migliorare la vita delle piante. Tradizione e innovazione convivono a Terradonnà.

Peso1.5 kg

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Spato Terradonnà”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *